Informations

As a child I dreamed of being a classical pianist, as a teenager I found myself playing in a rock band. At my piano diploma I played Beethoven like Mick Jagger.

I attended an amazing jazz pianist in one of the worst bars in Caracas and I decided to enroll in composition in order to finally understand something in all those chords and harmony. I composed such a orchestral piece for the final test of the composition M.A. (after ten years of insane study) that we hardly understand anything.

In the meantime, I love playing sixteenth-century organs in a church and directing a polyphonic choir while writing music for contemporary art festivals, documentaries and for research theater. Now I am an orchestral arranger because I have found that arranging is the thing that suits me best.

I tell everyone that music is wonderful and that “there is music and music” and also that music can say what we will never be able to express. I try to say it with my words in the form of lessons and storytelling but I try to say it also with my music.

What people say

The truth is that true music is never ‘difficult’. This is only a term that acts as a screen, which is used to hide the poverty of bad music.

Claude Debussy

Music has great power: it brings you back the moment it brings you forward, so that you feel nostalgia and hope at the same time.

NIck Hornby

Music also plays dry wood and donkey skin. And it makes palpable the subtle bonds between spirit, bodies, things, which we never tire of looking for.

Pierangelo Sequeri

Let’s build something together.


Bio

M.A. in piano and M.A. in composition at the “G.B. Martini” conservatory in Bologna. In July 2005 he was selected as a participant in the international course of the A.C.D.A – Achantes association in Paris, for the execution of his work “Sentieri interrotti” by the Arditti string quartet. He composed music for the cello class of Francesco Dillon (Prometheus quartet) at the music school of Fiesole (FI) and for the flute class of Antonio Politano at the conservatory of Lausanne (CH). He composed original music for the Musica Aperta (Milan), EXITIME (DAMS Bologna), CIMES (University of Bologna), FestivalAperto (Teatro Valli, Reggio Emilia)

He composed and directed the music for the youth orchestra of the European ARION project. For the School of the Union of Municipalities of the North Area (now “Andreoli Foundation”) he carried out the activity of director of the white voices choir, with which he was ranked first in the regional competition “A choir in each school” (May 2008) and which led the chorus to the realization of Berlioz’s “Te Deum” with the Mozart, Cherubini and Giovanile Italiana orchestras conducted by Maestro Claudio Abbado in Bologna in October 2008.

Since 2009 he has worked as a musician and composer of the music of the shows of the Teatro dei Venti in Modena (Il tempo dei migranti, 2010; Quotidiano expire, 2011; InCertiCorpi, 2014; Moby Dick 2019; Padri e Figli, 2020)). He made the soundtrack of some documentaries for the broadcast Il Cantiere broadcast on national RAI Radio3. For over 10 years he has been performing, in continuous and constant growth, an improviser on the piano collaborating in duo with the narrator Simone Maretti and, for musical education projects, with the Caotica Musique association. Recently he made, improvising live on the piano, the soundtrack of the films “The General” by Buster Keaton and “Charlot soldier” by Charlie Chaplin.

In the meantime he works as an orchestral arranger and transcriptionist of instrumental parts in the field of both modern and classical music. Of particular note are the arrangements of the cd “Cikibom”, a music program for children in cradles, published by Sinnons and promoted by the “Born for music” association (2012); the publication of the song “Terra” (Pivetti / Magnani) within the “Radici” project published by Franco Cosimo Panini;

Since 2014 he is orchestral arranger of the Pavarotti Foundation in Modena. He oversaw the arrangement and transcription of the orchestral parts of the “Luciano – Messaggero di pace” Memorial Concert, on the occasion of the anniversary of the tenor’s death, performed on 6 September 2014, of the 2015 edition of the same concert, entitled “Col sole in fronte “, where he arranged the music for the orchestra and accompanied Massimo Ranieri and Vittorio Grigolo live on the piano and the 2016 edition where he worked on the orchestral arrangements of” Fatti avanti amore “and” E da qui ” by Nek.

Since 2009 he has written annually “la Fiaba” for the ensemble music class of the music school of the Andreoli Foundation. It is a renowned project that integrates disabled children into the orchestra staff, writing ad hoc parts so that their contribution is as fundamental as it is completely merged and integrated with that of others.

For two years (2012/13; 2013/14) he held the position of piano teacher for the free courses at the Vecchi-Tonelli Conservatory of Modena and Carpi and of accompanying pianist, at the same institute, of the wind classes. In particular, he is in great demand as a teacher of keyboards, piano-jazz and improvisation on the piano, areas in which he now boasts a solid experience thanks to the versatility with which he has always known how to combine his passion for music with the concrete circumstances in which he found himself playing .

In 2018 he started the “Double Exposure” project with the saxophonist Gianni Vancini. The project traces the history of the saxophone and the repertoire in duo with piano. Thus, linked by the pianistic, classical and jazz tone, they meet and tell more than a century of music passing from Bonneau, Creston, Debussy to Woods and Piazzolla, up to the present day with original works by the artists.

Not secondary is his commitment on the liturgical music side, where for some time, as musical manager of the liturgical office of the diocese of Carpi, he accompanies the organ, composes and takes care of the arrangement of the pieces performed on the occasion of the solemnities. In particular, we remember the composition of the liturgical Glory, performed on the occasion of the celebrations for the Beatification of Odoardo Focherini, in Piazza Martiri in Carpi, on June 15th 2013 and the organization of the musical part of the solemn celebration presided over by Pope Francis, on April 2nd 2017, on a pastoral visit to Carpi.

He conducts the Armonico Ensemble, a choral and instrumental group dedicated to the diffusion of contemporary and twentieth-century music (L. Bernstein, P. Winter, O. Gjeilo, K. Jenkins, A. Part, E. Esenwalds).

He’s B.A. in history of Theology with a thesis on the “Christus” oratory by F. Liszt.

Il corpo, l’orecchio e l’essenza del cosmo

talk-listen
“L’essere che ascolta, è un essere che canta, che vibra, è un essere vivente; che vive per sé e vive per gli altri. Vive per riuscire a essere all’unisono con un cosmo che canta incessantemente la sua presenza. Per vivere, l’uomo deve accordarsi alla risonanze che animano l’universo. Se non lo fa, non gli è possibile aderire al concerto permanente cui è invitato a partecipare. 

Sono convinto che l’orecchio sia essenziale di per sé, nel senso che rappresenta la porta d’accesso all’Essenza, Il suo sbocco è nell’Essere in quanto ne rappresenta l’apertura sul mondo attraverso il corpo. L’orecchio fa del corpo il proprio strumento mediante il dinamismo energetico che gli assicura, mediante il linguaggio che gli infonde, mediante la captazione dell’universo sonoro che gli propone e sul quale si modulano il canto, la musica, la parola. Il cosmo nella sua totalità diventa allora una realtà unica attraverso questa via d’accesso che dà vita e facoltà di trasmissione. Saranno le strutture linguistico-sonore a rendere percettibile l’universo, beninteso entro i limiti delle capacità umane.
Perché in fin dei conti essere in ascolto significa predisporre tutto il proprio corpo in modo da accedere al livello che la facoltà di ascolto esige. Significa tendere l’orecchio, proprio nel senso espresso con tanta esattezza dal linguaggio familiare. Se ci pensiamo attentamente, constatiamo che in effetti è qualcosa di più che offrire il proprio orecchio. Vuol dire indurre il proprio sistema nervoso a convergere verso ciò che quest’organo richiede imperativamente. E così l’uomo diventa un’antenna ricevente, quando decide di mettersi nello stato d’animo che l’ascolto richiede.
Si vedrà che questa “volontà di attenzione verso…” è ancora più evidente quando si tratta di ascoltare se stessi, quando è necessario assumere il proprio controllo, come nel caso dell’atto parlato o dell’atto cantato.” (L’orecchio e la voce” di Alfred Tomatis, Baldini&Castoldi)

Alla luce di questo vero e proprio inno all'”orecchio teso…” di A. Tomatis risulta particolarmente stimolante la lettura delle conclusioni di “Uditori della Parola” del teologo K. Rahner circa la profonda identità di “uditore” di ogni essere umano:

“La rivelazione, nel caso che sia possibile, presuppone che l’uomo debba essere aperto a ricevere la comunicazione che l’Essere assoluto fa di se stesso attraverso la sua parola luminosa. L’uomo è l’ente che nella sua storia deve tendere l’orecchio ad un’eventuale rivelazione storica di Dio attraverso la parola umana. L’uomo è l’ente che è dotato di una spiritualità recettiva aperta sempre alla storia e nella sua libertà in quanto tale si trova di fronte al Dio libero di una possibile rivelazione, la quale, nel caso si verifichi, si effettua sempre mediante “la parola” nella sua storia, di cui costituisce la più alta realizzazione. L’uomo è colui che ascolta nella storia la parola del Dio libero. Solo così egli è quello che deve essere.” (Uditori della Parola, di Karl Rahner, Borla)

Siamo esseri viventi in ascolto, in grado di cogliere un “tu” oltre al “sé” e riceviamo la nostra felicità e il nostro vero “io” dall’ascolto e della scoperta dell’esistenza di ciò che è altro da noi. Educazione all’ascolto e spiritualità si intrecciano così, indissolubilmente.

Omaggio a Fabrizio De Andrè

omaggio a faber - festa del racconto 19.jpeg

C’era una volta un bambino bellissimo. Era biondo. Gli piaceva guardare il mare e sognare, guardare le nuvole e sognare, guardare le bambine e sognare. Viveva con una mamma bellissima, un papà bellissimo, un fratello bellissimo, una nonna bellissima, in una casa bellissima, in una città bellissima. Poi era cominciata la scuola, che non era bellissima, e il bambino preferiva restare nascosto per strada, dove vedeva il mare e le nuvole, lo scirocco che sugli scogli diventava libeccio, i gabbiani eleganti che planavano adagio sulla spuma arricciata. I maestri non erano bellissimi, e il bambino preferiva tornare presto a casa, guardare i libri del papà, ascoltare i racconti della mamma, inventare storie col fratellino. Poi la mamma bellissima gli aveva messo vicino un violino e un maestro, e il bambino non si divertiva a studiarlo, dava al maestro dei pasticcini di panna perché suonasse per lui e invece di suonare leggeva favole di viaggio, finché la mamma se ne era accorta, ohi ohi ohi, lezioni e pasticcini erano finiti, ma non era finito il mare, non erano finite le nuvole, non erano finiti i sogni. Se ne era accorta la bellissima nonna, e aveva portato il bambino in campagna, gli aveva fatto vedere le piante e le foglie, quando escono piccole, bellissime da un ramo, e diventano grandi ma sono sempre bellissime; gli aveva fatto vedere una carota rosata diventare grande e bellissima, un pomodoro diventare rosso e bellissimo, l’erba diventare verde e bellissima. Intanto una bambina bellissima cantava una canzoncina qualunque, e al bambino era sembrata bellissima e la cantava con lei, e poi senza di lei; la cantava e sognava le nuvole e i boschi, sognava i prati e i profumi, i sorrisi e le lacrime: sognava il mondo bellissimo che c’era lì attorno. Poi, sempre bellissimo ma non più bambino, un’estate ha conosciuto in Sardegna prati e boschi in collina, profumi e fiori nell’aria, delfini e rocce nel mare, sempre bellissimi, che gli hanno fatto vedere soltanto sorrisi, perché anche le lacrime erano bellissime, ormai: erano lacrime, ma già dell’amore. Così in Sardegna è rimasto: era diventato un ragazzo e poi un uomo bellissimo, aveva fatto figli bellissimi e sempre bellissimi sogni. Ma i sogni oramai li chiamava canzoni.

Fernanda Pivano, 11-12 marzo 2003

Il canto, sorgente di energia

Perché si canta? È abbastanza strano che ci si ponga questa domanda. Di solito l’interesse si concentra sul “come” si canta e sul “cosa” cantare. Alfred Tomatis, (L’orecchio e la voce, Baldini&Castoldi, 1993) sostiene che risposte come: “Perché mi va; perché mi piace farlo; perché mi fa star bene”, ecc., non sarebbero altro che motivazioni egocentriche, una sorta di autosoddisfazione assolutamente deviante rispetto a quella che deve essere una vera risposta.  Cantare invece è una necessità perché ricarica di energia il cervello! Cosa significa dare energia, e per di più al cervello? Di che genere di energia si tratta?

Il termine energia è stato caricato di mille significati spesso ambigui.

Continua a leggere “Il canto, sorgente di energia”

Triduo di Pasqua, tempo di Passioni

La passione di Gesù Cristo è il racconto dei racconti, è la storia che lega definitivamente assieme Dio e l’umanità e che interroga, consola, sconvolge, appassiona da duemila anni. I racconti degli evangelisti hanno dato origine, in ogni passaggio storico, a innumerevoli meditazioni di carattere artistico. Anche il ‘900, secolo per (auto)definizione a-teo, ha attinto continuamente al repertorio testuale e simbolico della fede ebraico-cristiana e alle narrazioni biblico-evangeliche. In questo nostri tempi è ancora forte il desiderio di rimettersi alla scuola di uno dei compositori che più di tutti ha saputo rendere commovente la narrazione delle ultime ore di vita di Cristo: J. S. Bach.

Continua a leggere “Triduo di Pasqua, tempo di Passioni”

Musica e Teologia: l’oratorio “Christus” di F. Liszt.

L’idea di porre in dialogo musica e teologia non è una “scoperta” recente, appartenente in maniera esclusiva ai nostri tempi. Potremmo dire, anzi, che si tratta di una delle relazioni “interdisciplinari” più antiche e, da sempre, costituisce uno degli snodi centrali delle culture tradizionali. Tentare un’esplorazione musicale del mondo di Dio e vedere se, dove e come, possa, uno sguardo di fede, guidare la composizione di musica è un itinerario che ha affascinato molti artisti e pensatori. Sono numerosissimi gli studi che si occupano delle articolazioni esistenti tra rito e musica, tra esperienza “mistica” e ritmo, sia nell’ambito dell’antropologia culturale che in quello, più rigorosamente estetico, della storia della musica.

Continua a leggere “Musica e Teologia: l’oratorio “Christus” di F. Liszt.”